Notizie da Otranto

Sbarco a Porto Badisco: rintracciati in trentotto ma forse sono di più

Gli stranieri trovati da polizia, finanzieri e carabinieri nella marina idruntina e condotti presso il "Don Tonino Bello". Presumibilmente si tratta di siriani. Nessuna traccia del gommone e un piccolo giallo: hanno dichiarato di essere di più, almeno una sessantina. Prossimo un altro arrivo?

Porto Badisco.

OTRANTO – Sono sbarcati alle prime luci dell’alba, quando ancora in zona non c’era quasi nessuno. Solo qualche ora più tardi, come sempre in questo periodo dell’anno, Porto Badisco (marina di Otranto quasi al confine con il territorio comunale di Santa Cesarea Terme) si sarebbe rianimata nel consueto viavai di visitatori e turisti, fra bagni in mare e mangiate in trattoria.

Trentotto sono i cittadini stranieri, presumibilmente siriani, rintracciati dagli agenti di polizia del commissariato di Otranto, che si sono avvalsi nelle ricerche dei carabinieri e dei militari della guardia di finanza. Non è stata trovata traccia del natante che li ha trasportati sulle coste salentine, probabilmente con partenza dalla Grecia (come sempre più spesso avviene), ma è sorto un mistero sul quale si sta cercando di facre chiarezza, perché alcuni di loro hanno spiegato di essere molti di più, nell’ordine delle sessanta unità. Tant'è: quando sono stati rintracciati erano già in cammino in direzione del centro abitato e il gommone già fuggito da tempo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo le ricerche sono state estese per tutto l’arco della mattinata. E’ possibile sia che alcuni migranti siano riusciti ad allontanarsi prima di essere rintracciati, sia che vi possa essere un’altra barca in giro con un secondo gruppo di persone prossimo allo sbarco. I trentotto rintracciati sono stati condotti presso il centro di prima accoglienza “Don Tonino Bello” di Otranto, dove sono stati riforniti dei generi di prima necessità e visitati. Tutti risultano in buone condizioni. Sono poi iniziate le consuete operazioni d’identificazione.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Emiliano verso la riconferma alla guida della regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento