Notizie da Otranto

← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Otranto bandiera color latte

Via John Kennedy, 6 · Otranto

Le immagini che allego si riferiscono alle condizioni in cui versano le spiagge ed il mare all'interno del paese di Otranto dopo lo sciagurato intervento di dragaggio del porto e consequenziale ripascimento delle spiagge con la melma (perchè proprio non si può definire sabbia) e una incommensurabile quantità di pietre tirate su e sparse sulle uniche spiagge prospicenti il lungomare...

Otranto aveva un vanto ed era proprio quello di avere un mare cristallino tanto da apparire, a quanti venivano in vacanza, quasi come essere alle Maldive...

Oggi, di fronte alle lamentele dei bagnanti per l'impossibilità di accedere al mare senza ferirsi sui sassi, l'Amministrazione ha deciso di intervenire con una benna che non solo ha risolto pochissimo ma ha creato una condizione di assoluta invivibilità legata anche alla forte tramontana con mare mosso e pateticamente color latte...

Danno e beffa, le pietre sono tutte a riva ma non si può nemmeno evitarle non potendole vedere...

Vi ringrazio se vorrete farvi portavoce di questo assoluto sconcio...

Grazie

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • La lascio nelle sue frustrazioni e nelle sue convinte infossate di testa nella sabbia.Io ho scelto di difendere il mio territorio anche per un futuro dei nostri figli, ciò che faccio e non solo io sono elementi inconfutabili presenti sul territorio agli occhi del mondo, ma non tutti possono comprendere ciò, anzi addirittura molti sono i soggetti che nascono solo per criticare senza la parvenza di un riscontro oggettivo. Dimenticavo........ io ho cercato solo di farle vedere la realtà senza denigrare l'operato altrui ove appunto con la crescita dell'intero territorio ne possiamo prendere tutti atto, ma mi rendo conto anche che un detto dialettale narra............ Quandu lavi a capu allu ciucciu, perdi u sapune e la fatia....e dunque e un dato di fatto che per molti soggetti è come parlare al vento. Buona giornata

    • Non posso scrivere cosa vorrei ,ma una cosa é certa, lei non ha capito niente della vita. Noi emigranti siamo tutti ,almeno credo , nostalgici ,NON FRUSTRATI,i perché il paese che ti ha dato i natali lo avrai sempre ne cuore, egregio signore. Delle sue esternazioni me ne strafrego. Ho girato il mondo , ma i presuntuosi come lei sono rari. Si immagini il mio saluto .

      • Ricambio con il suo saluto ovviamente ricordandole, che chi è causa del suo mal pianga se stesso. Se per lei obiettività vale a dire presunzione signor come si chiama, allora si immagini in che degrado verserebbe oggi Otranto con persone dedite al solo chiacchiericcio. "Vale più un grammo di pratica, che una tonnellata di teoria" Lo tenga bene a mente.

  • Buongiorno Non sono qui a spezzare lance a favore dell'attuale amministrazione Idruntina, tuttavia anche se trovo che il problema sollevato da Daniela non sia da sottovalutare, ritengo che il tutto non possa essere ristretto in due righe di parte!! Il problema è più ampio, e l'amministrazione e in continua battaglia con la sovraintendenza, poichè è l'unico vero ostacolo ad un processo di lavorazione che mira a salvaguardare sia l'interno dell'area portuale, sia le zone di balneazione di cui in oggetto e sia per migliorare l'offerta turistica e diportistica. I lavori dell'area portuale sono iniziati nel pieno inverno e sono documentabili, e chi vive ad Otranto come me ne ha potuto seguire gli sviluppi, purtroppo come già detto prima non sono dipesi e non dipendono solo ed esclusivamente da codesta amministrazione chiamata in causa o dalle ditte appaltatrici delle opere, di conseguenza è facile additare quando giustamente a stagione inoltrata il pericolo sassi è contingente e l'acqua momentaneamente con un aspetto sgradevole. Vi assicuro che gli sforzi dell'attuale Sindaco sono stati tanti affinchè si evitasse addirittura la non apertura delle spiagge in questione. Le fatiche continuano anche con altre opere succubi della burocrazia Italiana, per la quale ci sono già molti anni di scartoffie burocratiche sui tavoli dell'amministrazione idruntina, che con notevoli sforzi si prodiga per dare un'immagine sempre più decorosa alla nostra cittadina. Rimane il fatto che chi non fa non sbaglia, e anche quando si fa e lo si fa bene, qualche raglio d'asino aleggia nell'aria. Un saluto

    • Sig. Francesco forse é il suo raglio d'asino che aleggia, spero che qualquno non si rompa l'osso del collo. Se Lei pensa che io non vivendo a Otranto come Lei .Non posso appoggiare le paure e anche le segnalazioni della Sig.ra Daniela di fronte a queste foto? Sig. Francesco sono di Otranto natu e pasciutu. Quando vedo anche delle schifezze del genere con la Bandiera Blu.....!!! gli asini volano e si perdono nelle strade delle amministrazioni. Stia bene e, non vada in spiaggia senza casco.

      • Mio caro In questa Italia fatta di corruzione e corrotti, di furbi e finti perbenisti che predicano bene e razzolano mare, dei pasciuti poco obiettivi ormai non sanno che farsene! Le sue osservazioni vanno bene se danno un contributo di risoluzione al problema in generale e per ogni altra cosa, purtroppo non trovano nessuna attinenza con l'argomento oggetto, se non si riesce a dare una soluzione alternativa.Un commento che sia un'aiuto intendo! E' facile "Parlare"............ è molto meno facile fare cose concrete! Dunque diamo a Cesare quel che è di Cesare e riconosciamo a tutti i personaggi di Otranto e non, tutti i risultati a beneficio dell'intera cittadinanza, raggiunti nei loro mandati! La ringrazio per la sua attenzione Buona Giornata!

        • E lei Sig. Francesco che non é un pasciutu senza obiettivi , non come moltissimi di noi succubi della burocrazia, cosa da lei come contributo a questo chiamiamolo problema ?, commentare per cercarmi di spiegare che bisogna mettere la testa sotto la sabbia? , come forse vi hanno abituati ? Stative citti ...... Ma va !!! Se la sfortuna non m'avesse portato fuori dall'Italia e da Otranto penso che qualcosa l'avrei tentata. E' facile parlare !!! ? Cose concrete!!? vedo che a Otranto molti come Lei se ne fottono di quello che succede o concordano con il già fatto. La prova é evidente. Avete paura? Forse. Alla fine fate quello che volete , me ne importa ben poco di cosa succede a Otranto omai é il vostro paese adesso ,i nuovi Otrantini sembrano disinteressati a certi problemi.Godetevi Otranto senza alcuna gelosia. Distinti saluti

  • Ma cosa hanno combinato? Aspettano l'estate per fare questo scempio. Evidentemente hanno troppi turisti. Noi all'estero non facciamo altro che vantare il nostro Salento e poi delle teste di rapa8 per non dire altro ) rovinano tutto. E se un bambino si tuffa su una pietra ,grosso sasso chiamatelo come volete ,come si mette la cosa?. Ma quando riescono a riflettere ?!!!! MAI da che mi ricordo, Tuttu fuci fuci.

  • Hanno aspettato l'estate per combinare questo scempio. Noi all'estero quando possiamo facciamo di tutto per vantare il nostro Salento ma evidentemente qualcosa non funziona in qualche testa di rapa( per non dire altro)

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento