Notizie da Otranto

Stand commerciale nel cuore storico di Otranto: Soprintendenza dispone sequestro

I sigilli a una struttura mobile, priva del permesso, sono stati apposti dai carabinieri del Comando tutela patrimonio culturale

La struttura mobile sequestrata nel centro di Otranto.

OTRANTO – Scatta il sequestro di una struttura mobile nel cuore storico di Otranto. I carabinieri del Comando tutela patrimonio culturale hanno infatti apposto i sigilli a uno stand commerciale privo del permesso della Soprintendenza. Il provvedimento è stato eseguito nel corso della mattinata, dai militari di Bari e dai colleghi del posto, durante un controllo per tutelare i monumenti e le aree paesaggistiche della Città dei Martiri.

Il decreto è stato emesso dalla Procura della Repubblica di Lecce: i sigilli sulla struttura in laminato e vetro, di circa 65 metri quadrati, installata sul suolo pubblico e adibita a uso commerciale nei pressi di Largo Porta Alfosina. Il manufatto era stato posizionato in una zona che, secondo la normativa vigente, è considerata bene culturale e, pertanto, necessita di una preventiva autorizzazione all’installazione rilasciata dalla Soprintendenza archeologia e belle erti e paesaggio per le province di Brindisi, Taranto e Lecce.otranto 1-4

L’indagine, ancora in corso perché finalizzata ad accertare le responsabilità delle persone a vario titolo coinvolte nella vicenda, è stata avviata grazie ad una segnalazione pervenuta ai carabinieri dalla stessa Soprintendenza. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento