Notizie da Otranto

Sorpreso due volte alla guida ubriaco: a soli 22 rischia la revoca della patente

Nei guai un giovane di Cannole, fermato dagli agenti di polizia del commissariato fra sabato e domenica notte. Denunciato e il documento di guida ritirato, ma rischia sanzioni più gravi. A Santa Cesare Terme stroncato un principio d'incendio in una villa: accanto c'era una bombola Gpl

OTANTO – Un vizio niente male. A soli 22 anni rischia la revoca della patente. E’ già la seconda volta, infatti, che un giovane di Cannole viene “pizzicato” al volante di un’auto con un livello di alcool nel sangue fin troppo alto, tanto da far scattare la denuncia penale.

Il ragazzo è stato fermato nel corso degli ultimi controlli predisposti dal commissariato di polizia di Otranto, che, specie nel fine settimana, si sono collocati con pattuglia e paletta in entrata e in uscita della Città dei Martiri. In questo periodo Otranto inizia a ripopolarsi in vista dell’estate e sale quindi anche il livello di guardia.   

In particolare, nella notte tra sabato e domenica, è stato nuovamente svolto il controllo con etilometro (il terrore dell’avvinazzato...), in cui è incappato proprio il 22enne. Il valore dell’alcool nel sangue era ben superiore rispetto a quanto previsto dalla legge. Al momento gli è stata ritirata la patente di guida, che sarà poi sospesa da un anno a due, come previsto dalla legge. Ma in questo caso, come detto, sarà valutata anche la possibilità della revoca, vista la reiterazione del comportamento.

Durante gli stessi controlli è stata anche inflitta una sanzione amministrativa a un pluripregiudicato di Otranto. L'uomo non aveva sottoposto il veicolo alla revisione. In totale, sono state identificate circa 250 persone e controllati 120 veicoli e in alcuni altri casi sono scattate più comuni contravvenzioni. Le condotte di guida, si sa, fin troppo spesso sono molto personali.   

Nel contempo, gli agenti di polizia del commissariato, su disposizione del vicequestore aggiunto Rocco Carrozzo, hanno svolto una verifica a tappeto di soggetti sottoposti ai domiciliari in tutto il circondario di competenza, controllandone ben dieci nella sola mattinata di oggi.  

Nei giorni scorsi, infine, soffocato sul nascere un principio d’incendio che avrebbe potuto generare conseguenze di una certa entità. Gli agenti della squadra volante, durante un normale servizio sul territorio, mentre transitavano in via Roma a Santa Cesarea Terme, hanno notato fumo provenire dai residui di potatura accatastati nel giardino di una villa dove erano in atto lavori di ristrutturazione.

L’attenzione degli agenti è stata attirata soprattutto dalla presenza nel giardino anche di una bombola contenente Gpl. Nell’attesa dei vigili del fuoco, i poliziotti del commissariato di idruntino, procuratasi una manichetta che si trovava all’interno di una villa adiacente, hanno subito spento l’incendio. In seguito, i pompieri hanno provveduto a mettere in sicurezza la bombola di gas. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Riti di affiliazione mafiosa e mire del clan su concerti e bische. "La Scu è ancora viva"

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

Torna su
LeccePrima è in caricamento