Notizie da Otranto

La lite, poi botte da orbi all'esterno del locale: nei guai per lesioni

E' successo a Otranto, dove la polizia ha denunciato un 37enne originario di Mola di Bari. La vittima, un 35enne del posto, ne avrà per dieci giorni. I controlli estesi in più attività commerciali. A Poggiardo maxi multa a una sala scommesse di quasi 5mila euro

OTRANTO – Una lite per motivi più che futili, magari qualche bicchiere di troppo a surriscaldare ancora di più gli animi, e uno dei protagonisti è finito negli uffici del commissariato locale, dov’è stato denunciato a piede libero per lesioni personali e percosse dagli agenti di polizia giudiziaria. L’altro contendente, invece, ha dovuto fare ricorso alle cure mediche presso il pronto soccorso dell’ospedale di Scorrano.

E’ successo nelle ore serali nel pieno centro di Otranto, nei pressi del torrente Idro, da cui trae l’antico nome la Città dei Martiri. Un punto in cui sorgono diversi locali.

Qui, N.N., 37enne originario di Mola di Bari, ma da tempo residente a Otranto, già noto alle forze dell’ordine, è venuto alle mani con un 35enne del posto. Quest’ultimo sarebbe stato letteralmente aggredito all’esterno di uno dei locali, dopo un diverbio. Ed è stato un pestaggio piuttosto violento, tanto che ha riportato ferite guaribili in dieci giorni.

Altri avventori che si trovavano in zona hanno subito chiamato il 113 e una volante s’è fiondata sul posto, dividendo i contendenti ed evitando conseguenze più gravi. Ricostruiti i fatti, il 37enne originario del barese è stato poi deferito alla Procura di Lecce.

Anche a seguito di questa vicenda, il vicequestore aggiunto Rocco Carrozzo, dirigente del commissariato idrutino, ha deciso di estendere i controlli in più locali della zona, come forma di deterrente ad episodi analoghi. Diciotto quelli perlustrati nelle ore notturne e 150 le persone identificate, fra avventori all’interno e all’esterno.

Inoltre, gli agenti hanno effettuato perquisizioni nei confronti di soggetti pregiudicati ed hanno intensificato i controlli verso quelli sottoposti alle misure di sicurezza alternative alla detenzione e di prevenzione, quali avviso orale e sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. E non si è trattato ovviamente solo di Otranto. Gli agenti del commissariato si sono diretti anche negli altri comuni ricadenti nella loro giurisdizione.

A Poggiardo, in particolare proprio durante queste perlustrazioni, la sezione di polizia amministrativa ha inflitto al titolare di un centro scommesse con sala giochi e punto di somministrazione di alimenti e bevande, multe per 4mila e 800 euro.

Una vera batosta, dovuta al fatto che sarebbero stati riscontrati sia il mancato rispetto della normativa che regola il settore, sia l’assenza sul posto della persona debitamente autorizzata dal questore a poter raccogliere le scommesse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, tornando a Otanto, gli agenti della squadra volante hanno denunciato D.P.A., 31enne già noto di Palmariggi, per danneggiamento aggravato del distributore automatico di bevande e alimenti all’interno della sala d’attesa delle ferrovie del Sud Est di Otranto. Ha cercato di scassinarla, ma l’intervento della volante gli ha impedito di fuggire con prodotti e soldi.            

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

Torna su
LeccePrima è in caricamento