Notizie da Otranto

Uno studente finge una tentata estorsione da parte di coetanei: scoperto

È accaduto a Otranto, dove i carabinieri lo hanno denunciato. Nella vicina Bagnolo del Salento un uomo nei guai per truffa

Foto di repertorio.

OTRANTO – Un minorenne è stato accusato di simulazione di reato. Lo studente, di Otranto, è stato identificato dai carabinieri del posto. Avrebbe denunciato una fantomatica estorsione, lo scorso 15 marzo, a Maglie. Secondo la sua versione sarebbe stato minacciato da un gruppo di coetanei.

Questi ultimi, con il volto coperto secondo il racconto, gli avrebbero intimato di versare la somma di 20 euro. Ma l’indagine condotta dell’Arma ha dimostrato che la versione non era credibile, né aderente alla realtà.

A Bagnolo del Salento

Nella vicina Bagnolo del Salento, inoltre, nei guai è finito C.V., un 47enne di Chivasso di Torino. L’uomo è stato accusato di truffa. Attraverso un sito, dopo aver negoziato l’affitto di un inesistente camera con bagno nel centro di Milano, è riuscito a farsi accreditare una somma di 360 euro.  Ma è stato scoperto dai carabinieri.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Auto sbanda e si ribalta un paio di volte: in due in prognosi riservata

  • Politica

    Frazione organica, ritiro a singhiozzo: le buste devono essere compostabili

  • Attualità

    De Candia e Leandro, memoria a rischio: le loro opere molto copiate dai falsari

  • Cronaca

    Il nuovo pentito della Scu: “La mia latitanza anche a Porto Cesareo”

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Sorpassa due auto, poi il frontale con la terza: 30enne in codice rosso

  • Violenta lite in famiglia. Colpisce con un coltello la cognata: arrestato

  • Auto sbanda e si ribalta un paio di volte: in due in prognosi riservata

  • Torna il linguaggio mafioso a Parabita: minacce ai commissari e manifesti funebri al candidato

Torna su
LeccePrima è in caricamento