Notizie da Otranto

Sospetto ordigno sul fondale. Ordinanza vieta il bagno, ma nessun reperto bellico

I militari della guardia costiera, assieme ai sommozzatori di Taranto, hanno perlustrato la zona nota come “Le Cave”, non distante dal porto idruntino. Nessuna traccia dell’ordigno

La motovedetta a Otranto.

OTRANTO – Con una ordinanza di tre giorni addietro, la guardia costiera aveva già interdetto la balneazione nello specchio d’acqua in località “Cave”, non molto distante dal porto di Otranto. Il sospetto, sulla base di alcune segnalazioni giunte alla sala operativa dei militari, è che in quel punto vi fosse un ordigno bellico inesploso.

In giornata gli uomini della capitaneria, assieme ai sommozzatori del Nucleo Sdai di Taranto, il Servizio difesa antimezzi insidiosi, hanno perlustrato l’area marina, alla ricerca del reperto pericoloso. Dopo diversi sopralluoghi, attraverso le motovedette e le immersioni subacquee che hanno consentito di perlustrare i fondali, non è stato però rinvenuto nulla.

Lo specchio d’acqua, per un’area di 500 metri, è stato setacciato per l’eventuale bonifica. Ma non essendo stata trovata traccia di ordigni, è stato poi riaperto ai bagnanti. Deve essersi dunque trattato di un falso allarme.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Codacons: tariffe telefoniche in grave aumento

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

Torna su
LeccePrima è in caricamento