Notizie da Otranto

Club Med, addio dopo oltre quarant'anni. Firmato l'accordo con Bestar

Sembra avviarsi verso una conclusione positiva la vicenda riguardante il villaggio turistico di Otranto. Dovrebbero essere garantiti l'assunzione del personale dipendente e l'allungamento della stagione

OTRANTO – Con la sottoscrizione di un accordo di subgestione con la società Bestar, sembra avviarsi verso una conclusione positiva la vicenda riguardante il villaggio turistico di Otranto, gestito per oltre quarant’anni da Club Med. Stando all’esito dell’incontro, la società subentrante dovrà garantire l’apertura del villaggio Santo Stefano per la stagione turistica 2013.

Il condizionale è d’obbligo ed è lo stesso Comune di Otranto, in una sua nota stampa diramata in serata, ad usare cautela. “Dalle condizioni contrattuali accordate tra le parti – si legge nella nota -, risulterebbe l’impegno della nuova società di gestione a garantire l’assunzione del personale dipendente già di Club Med e parrebbe sia stato anche accordato dalla stessa un impegno di massima a venire incontro alle richieste avanzate dal sindaco Luciano Cariddi nell’ultima riunione della task force occupazionale, riguardo alla possibilità di assicurare un minimo numero di giornate per i dipendenti assunti”.

Fra le novità, la possibilità che, con l’arrivo di Bestar, il villaggio possa allungare il periodo di apertura durante la stagione, “ben oltre le dieci settimane che in media garantiva Club Med”.

Il Comune di Otranto sottolinea comunque il proprio rammarico per l’uscita di scena di Club Med. Sul territorio, è una presenza storica, visto che affonda le radici nientemeno che nel lontano 1970, anno d’inaugurazione del villaggio.

“Resta in ogni caso la soddisfazione per aver raggiunto l’obiettivo di garantire che il villaggio non venga chiuso neanche per una stagione – recita la nota dell’amministrazione - e soprattutto per aver assicurato gli attuali livelli occupazionali relativi al personale direttamente alle dipendenze di Club Med, ma relativi anche all’indotto degli appalti di esternalizzazione che il villaggio di Otranto garantiva”.

Il sindaco Cariddi sottolinea, inoltre, che “come amministrazione siamo attenti a seguire l’evoluzione della vicenda e ringraziamo quanti hanno collaborato per il buon esito delle trattative. Speriamo che – aggiunge -, superato l’impellente problema della stagione turistica alle porte, si possa tutti insieme iniziare a discutere seriamente del futuro del nostro villaggio per trovarci preparati in tempo utile una volta che sarà terminata quest’ultima annualità di contratto che era in capo a Club Med”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Emilio Faivre
    Emilio Faivre

    Chiedo venia. Mio errore. Ho posposto una "esse" ribattendo la nota.

  • C'e' un'errore di battitura. La nostra Società è la BESTAR srl, NON è assolutamente una Società di Scommesse Sportive, ma è una Società di Gestione Struttura Alberghiere. Qui trovate il nostro sito: http://www.bestarhotel.it

  • Ma chi è sta Betstar? Una società di scommesse? ...........

Notizie di oggi

  • settimana

    La scena si ripete: ladro scoperto dal proprietario e bloccato durante la fuga

  • Cronaca

    Soccorso veliero al largo delle marine ioniche: 66 migranti nel Salento

  • Cronaca

    Case parcheggio e occupazioni abusive, l'inchiesta a cerchi concentrici

  • Nardò

    Comportamenti violenti sul campo di basket: Daspo per componente del direttivo

I più letti della settimana

  • Tre incidenti, un morto investito: notte da incubo sulla statale 16

  • Lotta al traffico di droga a Gallipoli e dintorni: fermati in 11 nel blitz “Amici miei”

  • Emorragia cerebrale, il chitarrista dei Negramaro ricoverato in Rianimazione

  • Terremoto nella Scu salentina, il boss Montedoro sceglie di collaborare

  • Imbarcano acqua e rischiano di affondare: a bordo anche Carlo Quarta e Simone Acquaviva

  • Impatto violento, due feriti. Una smontava dal turno, l'altro si avviava

Torna su
LeccePrima è in caricamento